counter stats
Affiliata a: F.I.S.S. (Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica) - E.F.S. (European Federation of Sexology) - W.A.S. (World Association for Sexual Health)
Associazione Italiana Sessuologia Psicologia Applicata
A.I.S.P.A.

Presidente prof. Willy Pasini

Art. 1

Corso di studi

Ogni corso è sinteticamente articolato nel modo seguente:

* 8 incontri a cadenza mensile di due giorni consecutivi con un programma didattico e formativo di 130 ore per il corso base e avanzato.

* 6 incontri a cadenza mensile di due giorni consecutivi con un programma didattico e formativo di 100 ore per il corso di perfezionamento.

* 6 incontri a cadenza mensile di  due giorni consecutivi  con un programma didattico e formativo di 100 ore complessive per il corso di educazione sessuale. 

Art.2

Iscrizione e ammissione

E' previsto un numero chiuso. La domanda di iscrizione dovrà pervenire con allegata la ricevuta di pagamento della prima rata in formato cartaceo presso la sede di Via Marostica, 35 - Milano oppure in formato elettronico all'indirizzo entro i termini stabiliti. Le iscrizioni saranno accettate in ordine di arrivo; farà fede la data riportata sul timbro postale o la data di ricezione del modulo di iscrizione on-line. In mancanza del pagamento, la domanda di iscrizione sarà ritenuta nulla. E' previsto un colloquio di ammissione con un componente della direzione corsi da effettuarsi prima o durante l'inizio dei corsi. L'eventuale non idoneità comporterà il rimborso totale da parte dell'organizzazione della quota di iscrizione versata.

Art. 3

Documentazione richiesta

All'inizio dei corsi, gli iscritti dovranno produrre alla segreteria organizzativa : ° Curriculum formativo-professionale ° Fotocopia titolo di studio ° Certificato iscrizione albo (se in essere) ° 2 foto tessera

Art. 4

Frequenza

La frequenza è obbligatoria (4/5) per tutte le attività. Per il riconoscimento dei crediti ministeriali non sono ammesse assenze. Verrà effettuato controllo delle presenze.

Art. 5

Valutazione periodica

La valutazione periodica è compito dei Formatori che seguono come tutors un gruppo di allievi per facilitarne il processo formativo anche attraverso un servizio di verifica degli elaborati ( schede libri, relazioni su esperienze programmate, compilazione di questionari, ecc.. ) che ciascun allievo è tenuto a presentare. I formatori redigono una scheda di valutazione riferita all'impegno e alla partecipazione alle attività formative nonché alle capacità tecniche acquisite.

Art. 6

Valutazione finale

La valutazione finale avverrà attraverso la compilazione di un test con domande a risposta multipla e un colloquio individuale durante il quale sarà posta una domanda sul programma svolto e sarà richiesto l'inquadramento di un caso clinico presentato. L'insieme della valutazione periodica e finale conseguirà ad un giudizio di idoneità o non idoneità del candidato.

Art. 7

Norme disciplinari

Coloro che seguono il corso sono tenuti ad atteggiamenti conformi allo spirito dell'associazione, al rispetto dei colleghi, dei Formatori e dei Docenti e a non intralciare in alcun modo il regolare svolgimento delle attività didattiche. L'organizzazione si riserva di allontanare coloro che mostrino comportamenti contrari a questi principi.

Art. 8

Norme amministrative

La quota versata all'atto dell'iscrizione verrà restituita per intero solo in caso di non accettazione della domanda. In caso di richiesta scritta di recesso pervenuta almeno 60 giorni prima dell'inizio del corso verrà rimborsata una quota pari ai 2/3 di quanto versato; dopo tale data verrà rimborsata una quota pari ai 1/3 di quanto versato. Nessuna restituzione è prevista per richieste di recesso pervenute dal 30° giorno antecedente l'inizio del corso; in tal caso la quota versata potrà essere utilizzata entro 12 mesi per l'iscrizione ad altre attività formative promosse dall'associazione.

 

La quota di iscrizione comprende la frequenza ai seminari, alle esercitazioni, l'utilizzo del materiale didattico e le dispense in formato elettronico di alcune lezioni.

 

Nel caso di controversie è competente il Foro di Milano